DeliverGenerations | seconda puntata: Gianluca Busio

condividi su

Secondo appuntamento con la nostra rubrica DeliverGenerations in cui andremo a scovare i talenti emergenti del calcio mondiale. La seconda puntata è dedicata a Gianluca Busio, centrocampista del Venezia che sta dimostrando ottime cose nella sua prima stagione in Italia.

ORIGINI

Gianluca Busio nasce a Greensboro (North Carolina) il 28 Maggio 2002. Il centrocampista cresciuto negli Stati Uniti ha chiarissime origini italiane: madre afroamericana e padre italiano, precisamente bresciano. È stato quest’ultimo a trasmettere al piccolo Gianluca la passione per il calcio, come lui stesso confessò in una vecchia intervista a MlsSoccerItalia: “Le mie origini italiane hanno giocato un ruolo importante perché in Italia, come sapete, il calcio è lo sport principale. Crescendo con mio padre, italiano, che guardava tutte le partite, ho desiderato di voler diventare come i professionisti che vedevo in televisione, così avrebbe potuto guardare me un giorno“. All’età di soli 13 anni lascia casa e la sua città per inseguire il sogno di diventare calciatore, entrando a far parte dell’Academy dello Sporting Kansas City, qui fa tutte le trafile del settore giovanile e cresce su tutti i fronti. Il golden boy scrive varie pagine di storia di questo club distruggendo svariati record e facendo parlare innumerevoli volte di se. Il centrocampista classe 2002 firma il suo primo contratto da professionista il 25 Agosto 2017 all’età di soli 15 anni e 89 giorni, diventando il secondo più giovane di sempre dopo Freddy Adu. Busio fa il suo esordio in MLS l’anno dopo contro i Dallas, gli basta solo una partita per prendersi la maglia da titolare e pochi mesi per segnare il primo gol tra i professionisti contro i canadesi dei Vancouver Whitecaps. Personalità da leader già da giovanissimo, anche con la nazionale under 19 degli Stati Uniti il giovane talento si è contraddistinto nella Coppa del Mondo di categoria. Il gol col Senegal e la fascia di capitano nella sfida contro il Giappone restano due ricordi indelebili. Nella sua esperienza triennale in MLS l’italoamericano ha collezionato numeri importanti: 70 presenze8 gol e 9 assist. Numeri da predestinato.

PRESENTE 

Numeri che hanno portato il giovanissimo centrocampista col vizietto del gol a riattraversare l’Atlantico e tornare in Italia, questa volta non per le vacanze. Il Venezia dell’americano (guarda caso) Duncan Niederauer ha voluto puntare sulla nuova stella statunitese per regalare qualità al centrocampo della squadra, risalita in Serie A dopo ben 19 anni. Il classe 2002 da quando è arrivato nel nostro campionato ha sempre giocato titolare (eccetto la prima giornata contro il Napoli in cui il Venezia ha dovuto aspettare la documentazione necessaria per tesserare il calciatore) e ha già collezionato 1 gol e 1 assist. Lo scorso weekend il giocatore ex Kansas ha offerto una splendida prestazione che ha aiutato il Venezia a battere per 3-2 la Roma di Mourinho, abbiamo analizzato ai raggi X la prestazione del wonder boy e ne abbiamo ricavato ottimi numeri: 41 passaggi (89% di passaggi riusciti), 2 passaggi chiave, 2/2 palle lunghe, 2/2 cross, 5/7 duelli vinti su contrasto e 3 tackles. Numeri importanti che hanno condito una splendida prestazione. I punti di forza di Gianluca Busio sono la visione di gioco e gli inserimenti, oltre a una grande velocità abbinata alla tecnica individuale e alla personalità: queste caratteristiche fanno di lui un giocatore già pronto nonostante i 19 anni. Busio può ricoprire vari ruoli del centrocampo e fa della duttilità un’arma importante, da mettere a disposizione dei suoi allenatori.

condividi su

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *