L’Inter vince 3-1 con lo Sheriff e si rilancia, il Milan perde anche ad Oporto e affonda

condividi su

Nel martedì di Champions il MIlan di Pioli cede anche al Porto di Conceicao e la qualificazione si fa in salita; L’Inter di Inzaghi trionfa e si rilancia nella corsa agli ottavi

PORTO-MILAN

I rossoneri si presentano a questa sfida con l’obiettivo di vincere dopo le ottime prestazioni contro Liverpool e Atletico Madrid, in cui però non hanno racimolato nemmeno un punto

IL RACCONTO DELLA PARTITA

Inizio del match caratterizzato dall’alta tensione con diversi falli e proteste culminate da un cartellino giallo estratto dall’arbitro Brych dopo soli 2 minuti di gioco

La prima vera occasione è del Porto che al 5′ minuto stampa la palla sul palo con il milanista Tatarusanu che può solo guardare il pallone colpire il legno. Lo shock dovuto al pericolo subito fa svegliare i rossoneri che escono dalla propria area, avanzano ed iniziano ad avere consapevolezza e possesso palla. Al 20′ infatti Leao, dopo un doppio dribbling, crossa in mezzo e serve Giroud che quasi a tu per tu con Diogo Costa non inquadra la porta di testa, sprecando una ghiotta occasione

Dopo 45′ minuti caratterizzati da tentativi di sbloccare il match da ambo le parti, l’arbitro fischia temporaneamente la fine delle ostilità, concludendo a reti bianche la prima frazione

Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo con entrambe le squadre che fanno tanta pressione in mezzo al campo e creano tante chance di gol. Al 65′ si sblocca il match: Luis Diaz sfrutta un pallone rimasto al limite dell’area dopo uno scontro tra Taremi e Bennacer per fulminare Tatarusanu e firmare il definitivo 1-0.

I rossoneri tentano il disperato assedio ma non riescono a scalfire il muro portoghese perdendo anche questo match, con le speranze che si riducono notevolmente

UOMO PARTITA DELIVER: LUIZ DIAZ

L’esterno numero 7 crea diversi pericolo alla formazione rossonera e quando ha l’occasione per colpire non fallisce il bersaglio divenendo decisivo per le sorti del match

Marcatori: Luis Diaz 65′ (POR)

PORTO (4-4-2): Diogo Costa; Joao Mario, Pepe, Mbemba, Wendell; Sergio Oliveira, Uribe, Otavio, Luis Diaz; Evanilson, Taremi. All. S. Conceicao

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Tomori, Ballo Touré; Tonali, Bennacer; Saelemaekers, Krunic, Rafael Leao; Giroud. All. Pioli


 

INTER-SHERIFF TIRASPOL

Come i rossoneri, anche i nerazzurri dopo aver ottenuto un punto in due partite hanno assolutamente bisogno del bottino pieno per rilanciarsi in classifica e continuare a sperare negli ottavi di finale

IL RACCONTO DELLA PARTITA

Sfida da dentro o fuori quella dell’Inter contro lo Sheriff Tiraspol, vietato sbagliare. Partono forte i nerazzurri, chiaro l’obiettivo di controllare fin da subito il match.

Trova occasioni importanti nel primo tempo con Dzeko e Lautaro trovando più volte la risposta presente di Celeadnic, estremo difensore dello Sheriff. Alla fine il vantaggio arriva con il bosniaco: spizzata di Vidal per Dzeko che al volo batte il portiere per l’1-0. Si chiude il primo tempo senza altre emozioni con i moldavi in difficoltà e l’Inter in controllo del match.

Secondo tempo che inizia con una doccia fredda per l’Inter. Al 52’ arriva il pari dello Sheriff: grande punizione del solito Thill che batte Handanovic e sigla l’incredibile 1-1. La reazione dell’Inter non si fa attendere, il pareggio infatti dura appena 6 minuti. Il nuovo vantaggio nerazzurro arriva con Vidal, che, servito da Dzeko, batte il portiere sul primo palo portando nuovamente i suoi avanti. L’inter la vuole chiudere e continua a spingere per evitare ogni rischio. Arriva ancora da calcio da fermo il gol dei nerazzurri: è De Vrij il più bravo a prendere il tempo e a battere ancora Celeadnic. Lo Sheriff alza bandiera bianca con l’inter in totale controllo del gioco. Nel finale Lautaro sfiora il 4-1 colpendo la traversa.

Vittoria fondamentale per l’Inter che ritorna a farsi sotto per la corsa alla qualificazione. Onore allo Sheriff che anche oggi ha lottato fino alla fine.

UOMO PARTITA DELIVER: EDIN DZEKO

Il bosniaco conferma l’ottimo periodo di forma segnando anche nel match di San Siro di UEFA Champions League dimostrando la sua forza e la sua attitudine col gol. Nel secondo tempo crea occasioni e fa anche assist, oltre che fare a sportellate con i difensori del club ospite lasciando il campo al 75′ ad Alexis Sanchez. Edin è ormai una pedina fondamentale dell’Inter di Simone Inzaghi

Marcatori: Dzeko 34′ (INT), Thill 52′ (SHE), Vidal 58′ (INT), De Vrij 67′ (INT)

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 de Vrij, 32 Dimarco; 2 Dumfries, 23 Barella, 77 Brozovic, 22 Vidal, 14 Perisic; 9 Dzeko, 10 Lautaro All. Inzaghi

SHERIFF (4-2-3-1): 1 Celeadnic; 13 Costanza, 2 Arboleda, 55 Dulanto, 15 Cristiano; 21 Addo, 31 Thill; 9 Traoré, 22 Kolovos, 10 Castañeda; 77 Bruno Souza All. Vernydub

condividi su

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *